Arbitro per le Controversie finanziarie

A partire dal 9 gennaio 2017 il cliente, qualora non riceva risposta a un proprio reclamo entro il termine di 60 giorni o sia insoddisfatto dell'esito dello stesso e non siano pendenti altre procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie sui medesimi fatti oggetto del reclamo, potrà rivolgersi all'Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) istituito dalla Consob con Delibera n. 19602 del 4 maggio 2016.

Il ricorso deve essere proposto entro un anno dalla presentazione del reclamo ovvero, se è stato presentato anteriormente al 9 gennaio 2017, entro un anno da tale data.

Possono adire l'ACF i clienti al dettaglio (sono esclusi i clienti professionali e le controparti qualificate) e l'accesso è gratuito per l'investitore e sono previsti ridotti termini per giungere a una decisione: in ogni caso resta fermo il diritto dell'investitore di rivolgersi all'autorità giudiziaria qualunque sia stato l'esito della procedura di composizione extragiudiziale.

L'ACF è competente in merito alle controversie che implicano la richiesta di somme di denaro per un importo inferiore a 500.000 euro, relative alla violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza cui sono tenuti gli intermediari nei loro rapporti con gli investitori nella prestazione dei servizi di investimento e gestione collettiva del risparmio.

I reclami sono esaminati con la massima diligenza e valutati anche alla luce degli orientamenti desumibili dalle decisioni assunte dall'Arbitro per le Controversie Finanziarie.

Il diritto di ricorrere all'Arbitro non può formare oggetto di rinuncia da parte dell'investitore ed è sempre esercitabile, anche in presenza di clausole di devoluzione delle controversie ad altri organismi di risoluzione extragiudiziale contenute nei contratti.

Per il funzionamento e l'utilizzo dell'ACF si rimanda al sito web dell'ACF (www.acf.consob.it) e all'allegata brochure dedicata predisposta dalla Consob.

Our business
L’attività di Finint Investments SGR si basa su tre principali linee di espansione:
  • l’istituzione di fondi comuni di investimento dedicati a clienti professionali;
  • la promozione di strumenti innovativi sia di finanza mobiliare che immobiliare con l’obiettivo di sviluppare nuove opportunità di business soddisfacenti per i propri investitori;
  • la gestione completa di portafogli di investimento per conto di investitori istituzionali grazie all’apporto professionale del proprio team e di un pool qualificato e professionale di advisor tecnici e legali.
News
Mauro Sbroggiò protagonista della puntata di settembre di Insight Channel
20 settembre 2022

Mauro Sbroggiò, AD di Finint Investments SGR, ha preso parte alla puntata di settembre di Insights Channel FundsPeople, format di FundsPeople attivo dal 2020 che approfondisce e dà un volto ai temi della rivista mensile offrendo spunti interessanti di dibattito e aggregazione tra i professionisti del risparmio gestito attraverso panel dedicati di volta in volta ad argomenti di interesse e attualità. 

LEGGI
Finint Equity for Growth (Finint E4G) perfeziona il signing dell'investimento in Tecno Cover
06 settembre 2022

Primo signing per Finint Equity for Growth (Finint E4G), fondo di Private Equity di Finint Investments SGR.

Il fondo, nei giorni scorsi, ha perfezionato il signing propedeutico all’acquisizione della quota di maggioranza della società Tecno COVER di Carrè (VI), che commercializza i propri prodotti con il marchio STOVEitaly, mentre il closing è previsto per il mese di ottobre 2022.

LEGGI
Il Fondo Finint Bond miglior Fondo Hedge categoria Single Manager
30 marzo 2022
Finint Bond, fondo mobiliare alternativo gestito da Finint Investments SGR, è salito sul gradino più alto del podio delle gestioni migliori in termini di performance nella categoria dei fondi “single manager” ai MondoAlternative Awards 2022 come Miglior Fondo Hedge Single Manager 2021 e come Miglior Fondo Hedge Single Manager a 3 anni (2019-2021).
LEGGI